Una maglietta rossa per fermare l’emorragia di umanità

SABATO 7 LUGLIO indossiamo una maglietta rossa per un’accoglienza  capace di coniugare sicurezza e solidarietà.
“Rosso è il colore che ci invita a sostare. Ma c’è un altro rosso, oggi, che ancor più perentoriamente ci chiede di fermarci, di riflettere, e poi di impegnarci e darci da fare. È quello dei vestiti e delle magliette dei bambini che muoiono in mare e che a volte il mare riversa sulle spiagge del Mediterraneo. Di rosso era vestito il piccolo Aylan, tre anni, la cui foto nel settembre 2015 suscitò la commozione e l’indignazione di mezzo mondo. Di rosso erano vestiti i tre bambini annegati l’altro giorno davanti alle coste libiche. Di rosso ne verranno vestiti altri dalle madri, nella speranza che, in caso di naufragio, quel colore richiami l’attenzione dei soccorritori.
Muoiono, questi bambini, mentre l’Europa gioca allo scaricabarile con il problema dell’immigrazione – cioè con la vita di migliaia di persone – e per non affrontarlo in modo politicamente degno arriva a colpevolizzare chi presta soccorsi o chi auspica un’accoglienza capace di coniugare sicurezza e solidarietà. Bisogna contrastare questa emorragia di umanità, questo cinismo dilagante alimentato dagli imprenditori della paura. L’Europa moderna non è questa. L’Europa moderna è libertà, uguaglianza, fraternità. Fermiamoci allora un giorno, sabato 7 luglio, e indossiamo tutti una maglietta, un indumento rosso, come quei bambini. Perché mettersi nei panni degli altri – cominciando da quelli dei bambini, che sono patrimonio dell’umanità – è il primo passo per costruire un mondo più giusto, dove riconoscersi diversi come persone e uguali come cittadini.”
d. Luigi Ciotti, presidente nazionale Libera e Gruppo Abele

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO “PIU’ BASSANO -BASSANO PER TUTTI- PARTITO DEMOCRATICO”

La mancata disponibilità alla ricandidatura a sindaco di Riccardo Poletto non interrompe il percorso condiviso e la visione aperta con i quali questa maggioranza sostiene l’attività amministrativa. Riccardo è uno di noi e ci preme innanzitutto ringraziare il nostro primo cittadino per la qualità dell’impegno e ringraziarlo anticipatamente per il restante anno di mandato, che lo vedrà spendersi fino all’ultimo giorno nel suo ufficio di via Matteotti e in tutti gli impegni istituzionali.
Apprezziamo l’onestà intellettuale che ha sempre dimostrato, anche nella scelta molto sofferta di non ricandidarsi. Viviamo con dispiacere questa sua decisione, rispettandola perché comprendiamo bene la fatica che motiva questa sua scelta, strettamente personale.
Ci sarà modo di cogliere, anche dalla scelta di Riccardo, nuove opportunità, consci della sua grande capacità di coesione dei valori che centro sinistra e le civiche moderate bassanesi portano avanti. Valori che sono e saranno alla base sia di quest’ultimo anno di mandato amministrativo, sia di futuri scenari.
Riccardo Poletto, anche da non candidato sindaco, metterà a servizio la propria esperienza e le proprie qualità nella costruzione di questa nuova fase, e saprà accompagnare la coalizione in questa fase importante di rilancio e di evoluzione politica positiva della nostra città.
La coalizione ” Bassano per tutti-Partito Democratico-Più Bassano” da oggi accellera. Accellera fedele allo spirito di servizio nei confronti dei cittadini che ne ha contraddistinto la nascita e la crescita. Si rinforza nella coscienza di incarnare i valori progressisti e moderati che meglio si adattano al governo della città e nella capacità di esprimere competenze, valori e progettualità utili per tutta la collettività.
PARTITO DEMOCRATICO
BASSANO PER TUTTI
PIU’ BASSANO

EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (ERP) del comune di Bassano del Grappa.

Il 3 novembre 2017 la Regione Veneto ha approvato una nuova legge che regola l’Edilizia Residenziale Pubblica ( la 39/17). Entro 4 mesi la Regione avrebbe dovuto emanare i criteri di applicazione, cosa non ancora avvenuta, per cui il Comune non ha più riaperto i bandi (valgono le graduatorie vecchie). Se la Regione fisserà tali criteri entro agosto, il Comune è pronto a settembre a riaprire il bando.

Quali le novità? Ne abbiamo parlato con Erica Bertoncello, Assessora ai Servizi alla Persona, Famiglie, Casa, Pari Opportunità.

  • viene istituita la Conferenza dei Sindaci con funzioni consultive e propositive di supporto all’attività del consiglio di amministrazione ATER; sono i sindaci dei comuni che hanno il più elevato numero di alloggi ERP. Nel caso di ATER Vicenza si tratta di Vicenza, Bassano, Schio, Thiene, Lonigo;
  • è istituito presso il comune un fondo di solidarietà destinato agli assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica ( nonché ai richiedenti tali alloggi utilmente collocati in graduatoria) in gravi situazioni economico-finanziarie;
  • viene introdotto il concetto di mobilità obbligatoria, che tiene conto delle necessità di utilizzo razionale degli alloggi al fine di eliminare le condizioni di sottoutilizzazione, sovraffollamento o disagio abitativo;
  • altra novità: priorità a chi abita in Veneto da almeno cinque anni (anche non continuativi)
  • vengono inoltre introdotti contratti di affitto a termine (cinque anni, rinnovabili), la verifica puntuale della situazione economica degli assegnatari (soglia massima di Isee per l’Erp è 20 mila euro) e il canone di locazione ‘sopportabile’, parametrato cioè alle possibilità economiche degli assegnatari ma anche ai costi di gestione e manutenzione sostenuti dall’Azienda pubblica. Il canone minimo sale, pertanto, da 20 a 40 euro al mese.

A parere di Bassano per Tutti ci sono molti aspetti condivisibili in questa legge e uno che non ci trova d’accordo: la priorità a chi abita in Veneto da almeno 5 anni sembra una sottolineatura voluta dalla Lega per fini propagandistici: non dimentichiamo che per le graduatorie vale anche il numero di anni di permanenza nelle stesse, quindi i residenti “storici” erano già in posizione di vantaggio. Nell’assegnazione di alloggi ERP il criterio fondamentale dovrebbe essere quello del bisogno.
Più convinti siamo invece dell’aspetto della mobilità obbligatoria, anche se ci rendiamo conto che può essere traumatico per qualcuno lasciare una casa in cui ha vissuto per molti anni, ma che è diventata troppo grande per le ridotte esigenze di una famiglia i cui figli se ne sono andati. Gli alloggi ERP sono un bene comune che deve mirare a sostenere le fasce più deboli, un diritto sociale che non può essere trasformato in un privilegio acquisito a vita.
Vi terremo aggiornati sull’andamento dei lavori.

FESTA DI FINE ANNO DEI NIDI COMUNALI

L’assessore Oscar Mazzocchin ha salutato i genitori e i bambini dell’asilo nido di via Rivana alla festa di fine anno.
Una grande occasione per rilanciare i temi dell’infanzia, salutare i genitori e gli educatori alla fine di un importante anno. E’ stata anche l’occasione per consegnare a tutti i genitori la lettera di invito per ritirare il Kit “Benvenuta infanzia a Bassano”.

DOMANDA APERTA A TUTTI I CITTADINI BASSANESI:
“Secondo voi una persona che fa questi commenti sessisti su Francesca Michielin, esempio di coraggio per tutti i giovani per aver espresso liberamente il proprio pensiero, può coprire un ruolo come quello di rappresentante di un quartiere cittadino?
Può continuare a fare il presidente di quartiere?
Alla sua età il commento che ha fatto suonerebbe male anche tra amici in un bar, ma urlato su fb ci sembra piuttosto grave…
Un presidente di quartiere rispetta tutte le persone e le loro idee.
Voi cosa ne pensate?”
Consigliera delegata alle pari opportunita’ Teresa Santini
Con:
Oscar Mazzocchin
Alessandro Rossi
Renzo Masolo

Incontro sul Ponte Vecchio

In questi mesi e’ stato detto di tutto sul Ponte Vecchio, spesso dicendo cose inesatte cercando piu’ la polemica e la critica che il confronto, il dialogo e la voglia di chiarire.
Ora per chi e’ interessato ci sono tre occasioni per capire bene la versione di chi e’ piu’ informato sui fatti: il sindaco e l’assessore ai lavori pubblici.
Non mancate

UN VOLTO NUOVO PER AMICO LIBRO

Stamattina nella Loggetta del Comune è stata presentata la prima edizione di” Un volto nuovo per Amico Libro” concorso promosso dal Comitato di educazione alla lettura.
Bambini e ragazzi delle varie scuole hanno illustrato in modo originale le copertine dei libri di amico libro. I risultati sono stati molto buoni e i più interessanti sono stati premiati.
Colgo l’occasione per ringraziare tutti quelli che hanno partecipato con voglia di mettersi in gioco a questo momento illustrativo, ringrazio le insegnanti che hanno portato avanti questa proposta e chi ha allestito la mostra in Loggetta, dove stamattina c’ era un bel movimento!
Ci scusiamo perché non era possibile esporre tutto, ci sarebbe voluta l’ intera città!!! Ma il segnale è bello e Bassano è città che legge.

Teresa Santini

Piccoli passi di mobilita’ sostenibile

E’ partito il PIEDIBUS MARCHESANE!!!!

C’e’ gia’ un cartello in legno per attaccare il logo del quinto piedibus bassanese.
Aspettiamo con curiosita’ quale disegno uscira’ da queste due settimane di sperimentazione.
Complimenti ai genitori accompagnatori, al maestro Gianluca e alla maestra Helga per l’ottima organizzazione.
Bravissimi i venti bambini partecipanti, accompagnati il primo giorno dall’assessore Oscar Mazzocchin.